Certificazioni dei diamanti: perché sono importanti e quali sono le migliori

Home / Perché affidarsi a Banco Diamanti / Certificazioni dei diamanti: perché sono importanti e quali sono le migliori
Certificazioni dei diamanti: perché sono importanti e quali sono le migliori

I diamanti, sia quelli da investimento che quelli utilizzati in gioielleria, devono essere accompagnati da una certificazione, ma quali sono le migliori e perché sono importanti le certificazioni dei diamanti?

Le certificazioni dei diamanti: perché sono importanti?

Un certificato è un documento rilasciato da uno dei laboratori gemmologici riconosciuti a livello mondiale, che rappresenta una carta d’identità del diamante: ne garantisce l’autenticità e ne specifica le esatte caratteristiche fisiche, ossia le dimensioni, il taglio, il peso, la purezza e più in generale la qualità. È chiara quindi l’importanza di una certificazione: grazie a questo documento si attestano la qualità e il valore di mercato della gemma. È fondamentale che un diamante ne sia accompagnato, soprattutto nei casi dei diamanti da investimento.

Non tutti i certificati e gli enti certificatori sono uguali, scopriamo quali sono i tre principali istituti gemmologici in grado di rilasciare certificati riconosciuti a livello internazionale: il GIA, l’IGI, l’HRD.

La certificazione GIA

La certificazione GIA è rilasciata dal Gemological Institute of America, istituto che deve la sua notorietà alla creazione del Sistema di Classificazione Internazionale, ossia il noto metodo delle 4 C (Carat, Color, Clarity, Cut). La firma di questa certificazione è l’incisione laser sulla cintura del diamante del numero di certificato che identifica univocamente quella pietra; ovviamente tale iscrizione risulta invisibile ad occhio nudo.

La certificazione IGI

La certificazione IGI, invece, è rilasciata dal’International Gemological Institute e costituisce, come la precedente, una sorta di “documento di identità” della pietra preziosa: i gemmologi dell’IGI  analizzano le caratteristiche fisiche della pietra, le sopracitate 4 C oltre ad altre caratteristiche come la fluorescenza e la politura. Generalmente la pietra certificata viene consegnata chiusa in un blister.

La certificazione HRD

La certificazione HRD, infine, è rilasciata dall’Hoge Raad voor Diamant, ovvero “Alto Consiglio del Diamante”. Questa certificazione rilascia di fatto tre tipi di certificazione. Uno che ne prova l’autenticità, escludendo così la possibilità che si tratti di un’imitazione o di una pietra sintetica. Il secondo, comprende una descrizione dettagliata sulla qualità, la forma, il peso, il livello di purezza, la fluorescenza, la classificazione del colore, le dimensioni, le proporzioni e il livello di finitura. L’ultimo è il rapporto di identificazione HRD.

Volete vendere un diamante sprovvisto di certificazione?

Se avete intenzione di vendere un diamante sprovvisto di certificazione affidatevi a Banco Diamanti. I nostri gemmologi esperti, effettueranno un’attenta valutazione della pietra preziosa, analizzando le stesse caratteristiche prese in considerazione da IGI, GIA e HRD. Saranno quindi in grado di farvi un’offerta di acquisto al reale valore di mercato  anche se siete sprovvisti di una certificazione riconosciuta a livello internazionale.

WhatsApp Contattaci